Flora e Fauna

La Fauna

Vallate ampie, ambienti rocciosi, boschi e zone umide, l’area dei Nebrodi rappresenta l’ambiente ideale per la ricca e variegata fauna della Sicilia. Già da tempi antichi questa zona era il regno di Daini, Caprioli, Cervi (dal greco “Nebros”), il Grifone, recentemente reintrodotto e tra le fessure rocciose delle Rocche del Crasto la magnifica Aquila Reale.
Il Parco ospita piccoli mammiferi tra cui: l’Istrice, il Gatto selvatico, la Martona, il Ghiro, il Moscardino, il Quercino, ma anche rettili e anfibi tra cui la Testuggine e la Testuggine palustre, invertebrati, rapaci come il Gheppio, lo Sparviero, il Falco pellegrino, la Poiana, l’Allocco…impossibili elencarli tutti.
Nelle aree da pascolo si possono ancora incontrare,  la Coturnice di Sicilia, la Beccaccia durante il periodo di svernamento, il Corvo imperiale, l’Upupa, inconfondibile per il suo coloratissimo ciuffo.
Nelle zone umide e vicino ai corsi d’acqua non sarà possibile incontrare la Folaga, la Ballerina gialla, il Martin pescatore, il Tuffetto, il Merlo acquaiolo.
Da non dimenticare il Cavallo Sanfratellano che vive allo stato semibrado, oggetto di studio da parte del Parco per le sue caratteristiche fisiche e soprattutto il Suino Nero dei Nebrodi che vive allo stato brado o semi-brado, si adatta facilmente alle temperature mediamente rigide dei Monti Nebrodi.

La Flora

Quello dei Nebrodi è un territorio ricco di boschi, verdi pascoli d’alta quota, sorgenti, laghi, torrenti che contrasta con l’idea più comune di una Sicilia arida e secca.

Dalla costa fino ai 600 m s.l.m è possibile osservare la tipica macchia mediterranea sempreverde, il Muschio, il Lentisco, la Ginestra, il Corbezzolo, il Sughero e il Leccio, ma anche uliveti, noccioleti vigneti, frutteti e agrumeti.

Superati gli 800 fino ai 1200 – 1400 m s.l.m ci si immerge tra le Querci, i Cerri ed ancora, il Melo Selvatico, il Frassino.

Nella fascia dai 1200 – 1400 m s.l.m vi è la splendida formazione boschiva costituita dalle faggete, un vero paradiso naturale.

Nel sottobosco vi è il tasso, il Biancospino, il Pungitopo e l’Agrifoglio e tra le specie vegetali di dimensioni minori si trovano: l’elegante Peonia, la Petagna, il Geranio, il Mirto, lo Zafferanastro, il Bianco spino, la Rosa Canina.